Coppe Europee: alti e bassi per le italiane nella 3 giorni di coppe

Leave a Comment
Si è conclusa ieri sera la 3 giorni di Coppe Europee per le squadre italiane, 5 le partite disputate con il bilancio di 3 vittorie e 2 sconfitte.
L'impresa - quella che serve a Modena
foto Modena Volley
Aveva inaugurato il tutto la Lube Civitanova martedì sera ad Izmir sbancando per 3-0 il campo dell'Arkas guidato da Glenn Hoag; partita senza storia con i marchigiani padroni del campo fin dalle prime battute grazie all'ottimo apporto del muro e delle giocate in attacco del trio di palla alta Juantorena-Cabulj-Milijkovic. I turchi hanno potuto fare affidamento su un buon Rouzier non comunque ai livelli della nazionale francese; nel ritorno che si disputerà fra due settimane all'Eurosuole Forum di Civitanova a Parodi e compagni servono 2 set per qualificarsi per i Playoff6.
Pesante battuta d'arresto per Modena nella sfida di andata con l'Halkbank Ankara di Lorenzo Bernardi, finisce 3 a 0 per i turchi in una partita praticamente mai in discussione. I canarini, ancora senza Petric, hanno sofferto moltissimo la spinta al servizio dei padroni di casa che hanno potuto contare su un Sokolov stellare (61% in attaco), potendo così contare al centro delle rete su un Le Roux in più; da sottolineare l'ottima prova di Dragan Travica. Si complica così la strada verso la fina4 per la squadra della presidentessa Pedrini; per sperare in un derby italiano con Civitanova server una vittoria da 3 punti al PalaPanini per poi giocarsi l'intera qualificazione al golden set.

Trento in campo a Maaseik con il Lennik -
foto TrentinoVolley
Vittoria sofferta ma pure sempre vittoria per la Diatec Trentino sul campo del Lennik (partita giocata alla Lotto Dome di Maaseik), 3 a 2 il risultato finale per i campioni d'Italia presentatisi in Belgio in formazione rimaneggiata per l'indisponibilità di Lanza e il riposo precauzionale concesso a Mitar Djuric, spazio in campo quindi ad Oleg Antonov e Gabriele Nelli. Nelle prestazione trentina da sottolineare i 29 punti della coppia centrale Solè-Van de Voorde e i 6 muri punti messi a terra da Simone Giannelli. Fra i padroni di casa ottima la prova dell'opposto mancino Overbeek, inceppatosi però sul più bello nel quinto set. Al ritorno a Trento servirà una vittoria per passare il turno.
Nelle altre sfide dei playoff12 vittoria netta di Belgorod in Francia con il Tours con ipoteca sul passaggio del turno (ad attendere i russi la vincente di Trento Lennik), vittoria in trasferta anche per Kazan sul campo di Danzica (3-1). Rispettato invece il fattore campo all'Atlas Arena di Lodz dove un incerottato Skra ancora privo di Wlazly ha la meglio pure soffrendo sullo Ziraat Ankara per 3-1.

Vittoria al quinto set per Verona nell'andata dei quarti di finale di Challenge Cup, battuti al PalaOlimpia i francesi dell'Arago de Sete grazie ai 24 punti di Sander. Altre ottime notizie nel campo gialloblu dal ritorno in campo di Starovic e Zingel visti a tratti sul taraflex veronese.

PalaEvangelisti nella sfida di ieri sera -
foto Sir Safety Perugia
Sconfitta senza attenuanti invece per Perugia che in casa soccombe pesantemente sotto i colpi delle Dinamo Mosca di Zaytsev e compagni. Non servono i 14 punti di Atanasijevic per evitare lo 0-3 interno che sa di condanna per la squadra umbra apparsa sfilacciata e in difficoltà in attacco dove ha raccolto 10 errori e subito ben 12 muri diretti. Al ritorno a Mosca servirà un'impresa come quella sfiorata anno scorso da Trento in finale proprio di Coppa Cev, cioè la vittoria per 3-0 e 3-1 e la conquista del seguente golden set.