Superlega, 7° giornata: continua la marcia della Lube, bene Modena mentre crolla Trento a Molfetta

Leave a Comment
Cmc Romagna - Ninfa Latina 3-2


Due ore e mezza di battaglia che alla fine premiano una mai doma Ravenna, in una partita che non è stata bellissima da vedere a causa dei troppi gli errori commessi dalla formazione ravennate e da una Latina che, di contro, ha dominato la gara afflosciandosi però nei momenti clou.
La partenza per Ravenna è da incubo, per Van Garderen (trascinatore delle gare precedenti) è una serata no ed è chiaro da subito, l'olandese fatica a trovare varchi in attacco ed è spesso preda del muro ospite.
Foto credit F. Zani
Dalla pagina Fb: Top Volley
Proprio con il muro i pontini scappano via sul 6-1 iniziale, lo special si accende anche in battuta ed ecco che volano subito sul +7 (9-2), al primo time out tecnico Latina doppia i padroni di casa con un pesante (6-12) testimone della totale assenza ravennate in campo.
Sket e compagni non allentano la presa, Kantor mette in campo quasi tutta la panchina: Della Lunga per un impalpabile Koumentakis, Perini-Boswinkel per Cavanna-Torres e Zappoli per Van Garderen ma la musica non cambia e Latina chiude agilmente sul 29-25.
Nel secondo set il coach ravennate conferma Della Lunga in campo e ripropone il sestetto precedente, Latina riparte da dove aveva lasciato e scatta sullo 0-3 con il muro sempre protagonista, ma questa volta la reazione ravennate non tarda ad arrivare ed è Mengozzi ha firmare il primo vantaggio casalingo sul 6-5.
Nonostante gli errori, ancora tanti, e un gioco ancora balbettante a far suonare la sirena del primo time out tecnico è Ravenna, stoppando il gioco sul 12-11, al rientro in campo il muro di Mengozzi e compagni batte un colpo, il palazzetto si infiamma ed è +3 per i padroni di casa (17-14).
Latina stoppa ancora Van Garderen e si incolla (19-19) agli avversarsi, a svoltare il set però ci pensa il neo entrato Perini che con una serie al servizio micidiale porta i suoi sul 23-19, Zappoli e Ricci chiudono con 2 muri.
Il terzo parziale è la fotocopia del primo, Ravenna stacca la spina e Latina gioca facile (1-6), Hirsch è inarrestabile e i pontini fanno poca fatica perchè i ravennati regalano tantissimo in termini di errori.
Il muro e la battuta pontina sono i principali protagonisti dell'8-17, Sket e Hirsch continuano a schiantare palloni, Rossi a muro è attivo e stampa il 15-25.
Nel quarto set è farsi avanti per prima è ancora Latina che con Yosifov vola sull'8-11, Polo si fa sentire e regala la parità ed è forse la prima volta nell'arco del match in cui vige un sostanziale equilibrio, rotto solo dai due muri di Torres che valgono il 22-20, il vantaggio accumulato basta ai padroni di casa per aggiudicarsi il tie break, Polo chiude con un ace millimetrico sulla riga.
Foto credit F. Zani
Dalla pagina Fb: Top Volley
Il tie break è ancora una volta condizionato dagli errori, Torres regala l'8-7 e il cambio campo, il break faticosamente conquistato viene però "perso" con il muro di Yosifov (9-10), Kantor ferma tutto ma al rientro in campo il bulgaro bissa per il 12-10.
Entra Perini e ripete il "miracolo" del set precedente, la sua serie di battute mette in difficoltà Latina e Ravenna ne approfitta per pareggiare sul 12 pari, Sket manda out e Koumentakis mette il muro è 14-12 Cmc e match point.
Ravenna però non sfrutta, prima subisce il contrattacco e poi Koumentakis non trova il pertugio nel muro e si fa stampare, 14-14.
L'inerzia si ribalta e questa volta è Latina ad avere il match point grazie ad un ace di Sket, ma nemmeno la squadra di Placi riesce a chiudere perchè Koumentakis alla 3° alzata trova il punto del pareggio.
Torres si fa trovare pronto e mette giu il 17-16, a chiudere, finalmente, ci pensa Polo che spinge giù un timido pallonetto di Hirsch.

Power Volley Milano - Lube Banca Marche Civitanova 0-3

Terzo 3-0 di fila e primato solido in Superlega per Civitanova, il pronostico era tutto per la squadra marchigiana ed è stato chiaramente rispettato senza essere mai messo in discussione, come dimostrano i parziali a 13-18-16.
Rispetto alle gare precedente Blengini parte con le novità Cester e Ccebulj al posto di Podrascanin e Parodi, Milano risponde con lo starting six classico.
Dalla pagina Fb: LUBE Volley
Il primo set si apre con lo strappo marchigiano firmato, casualmente, da Juantorena con il suo servizio, Alletti a muro stampa Cebulj e riavvicina Milano sul -2 (8-10) ed è il minimo svantaggio che i padroni di casa riescono ad avere perchè poi il muro e il servizio di Stankovic e compagni (5 muri e 3 ace nel set) la farà da padrone fino al 25-13 finale in cui Milano non può veramente nulla.
Il secondo set parte ancora in totale vantaggio per la Lube, gli errori milanesi e una buona vena di tutti gli attaccanti avversari stampano subito il + 5 (10-5) per la banda di Blengini, set che praticamente si chiude già qui, perchè Milano prova a rientrare (con Baranek protagonista, 8-10) ma complice una Lube che non regala nulla e al servizio fa' davvero male lo svantaggio tornare a crescere ben presto.
Nessun riscatto milanese nel terzo parziale, al primo time out tecnico è 12-5, Sbertoli entra ed in coppia con Alletti a muro trova qualche buona soluzione e Milano si ri-avvicina sul 12-15, Blengini cambia la diagonale di posto due e la Lube torna a macinare gioco. 
Cester mura per il 24-15, chiude un attacco del top scorer Cebulj.

Dhl Modena - Lpr Piacenza 3-1 

Dalla pagina FB :  Modena Volley
 Modena si aggiudica il derby emiliano e lo fa convincendo, da registrare i 10 punti del rientrato Ngapeth.
La truppa di Lorenzetti a parte il passo falso nel primo set non trova problemi ad aggiudicarsi l'incontro contro una spenta e in difficoltà Piacenza che incassa la sesta sconfitta consecutiva su 7 gare disputate.
L'inizio di primo set è equilibrato fino al 7 pari, Modena prova a spingere sull'acceleratore e mette a segno un break di 7-1 e vola sull'11-7, Piacenza non ci sta e con Kohut sopra a tutti rientra e addirittura si porta in vantaggio (12-13).
Nella parte finale di set Piacenza da il meglio di se, gioca sciolta e convinta, gli attaccanti trovano varchi e punti, Lorenzetti inserisce Ngapeth ma gli ospiti chiudono in scioltezza per il 25-10 finale.
Nel secondo parziale Lorenzetti schiera Ngapeth titolare ma è sempre Piacenza che si porta in vantaggio, gli animi si scaldano e vola il primo  cartellino rosso per la panchina piacentina che costa anche il punto del vantaggio per gli avversari (9-8 Modena).
Modena sfrutta il nervosismo della Lpr e piazza il break che fa segnare sul tabellone: 19-15, la Dhl ora che ha in mano il set non se lo lascia sfuggire e chiude sul 25-20 rimettendo in parità la conta dei set.
Dalla pagina FB :  Modena Volley
Piacenza prova a reagire nel secondo set, ma ben presto però Modena mette in campo tutto il suo strapotere fisico e si porta avanti 12-7 al prime time out tecnico.
Non si ferma più la corsa del treno giallo-blu che investe letteralmente Piacenza con un 25-16 che sa da resa.
Quarto parziale che come si immaginava dirà ben poco, le resistenze piacentine durano davvero pochissimo e neanche al metà parziale, e con poca spesa, Modena ha indirizzato il set, chiude Ngapeth per il 25-17. 

Exprivia Molfetta - Diatec Trentino 3-0

Al Palapoli va in scena una non partita, troppo netta la superiorità di Molfetta in tutta la partita sui campioni d'Italia in carica di Trento. I trentini scendono in Puglia ancora privi di Urnaut ma forti della vittoria con Modena della scorsa domenica, nessuna novità nei sestetti di partenza con Van de Voorde preferito ancora a Mazzone. Fin dal primo pallone i pugliesi spingono forte al servizio mettendo in croce la ricezione trentina (9 ace diretti) e costringendo Giannelli a giocare spesso palla alta, non trovando però risposte positive da capitan Lanza (3 punti totali con il 23% in attacco) e trovando un Djuric positivo solo a sprazzi. Nella metà campo di Molfetta invece in gran spolvero la diagonale cubana Hierrezuelo-Hernandez che fa il bello ed il cattivo tempo trovando sempre il varco giusto nel poco coeso muro trentino. Solo nel finale di primo set e nella parte iniziale del secondo si è vista una Diatec sufficiente ma sono bastati un paio di errori per tornare subito nella buca e lasciare il via libera alla squadra di Gulinelli, all'ultima da allenatore dei biancorossi. Nel terzo set Stoychev prova le carte Bratoev per Giannelli e Mazzone per un comunque sufficiente Van de Voorde senza sortire particolari effetti; chiude un doppio ace di Hernandez che regala ai padroni di casa e al suo caloroso pubblico una vittoria di prestigio. 

Sir Safety Perugia - Gi Group Monza 3-0

Partita combattuta solo nel secondo set al PalaEvangelisti dove Perugia ritrova la vittoria dopo la sconfitta con la Lube nel turno casalingo precedente. Monza è reduce da 2 vittorie consecutive ma si arrende alle ottime prove di Fromm, Birarelli e al solito bombardiere serbo Atanasijevic. Come detto in precedenza la partita poteva girare nel secondo set vinto dagli umbri 35-33 dopo aver annullato diversi set point ai brianzoli.

Calzedonia Verona - Tonazzo Padova --> ancora da giocare, prevista per questa sera ore 20.30 diretta Rai Sport 1