Superlega 5a giornata: Modena sempre capolista, inseguono Lube e Trento

Leave a Comment
Cmc Romagna - Trentino Volley 0-3

foto CMC Facebook
Solite formazioni in campo per Trento e Cmc, l'unico assente è Bari per infortunio. Partenza equilibrata con Van Garderen in evidenza in attacco, nella metà campo trentina Lanza risponde presente (4-4). Trento mette a segno il primo break della partita ma Ravenna ricuce subito. Gli ospiti iniziano a spingere con il servizio prima con Lanza poi con Djuric, Kantor ferma il gioco sull'8-11. Il greco inizia a lasciar andare il braccio anche in attacco e Trento allunga 15-11. La Cmc ci mette del suo cominciando a sbagliare in attacco e scivola a -5, Torres non ci sta e dopo aver murato Djuric, poche azioni dopo ferma anche Antonov. Il portoricano sbaglia il servizio e il divario torna a -5. Due punti di fila di Lanza lanciano Trento sul 22-16. I padroni di casa recuperano un break con Della Lunga al servizio (19-22) e Rado preferisce parlarci su. Sul 20-22 Dore sbaglia il servizio, Trento va al set point grazie ad un'invasione da "somarello" di Koumentakis poi pasticcia sul primo set point, al secondo tentativo Solè sfoga la sua rabbia e chiude con un primo tempo a tutto braccio 25-21. 

Second set tutto nel segno di Ravenna che stampa subito un 3-0 e allunga sul 6-2. Van Garderen mette a referto un colpo più bello dell'altro, mentre Trento soffre nella distribuzione di gioco e forza un po' meno al servizio per poter rimontare. Rimonta che si concretizza sull'8-8 con Antonov in serie dai 9 metri, Pippo con mani out sorpassa e Antonov con un ace fa il +2 (10-8). La Cmc si è inchiodata e Kantor prova a cambiare la diagonale. 
Il duo appena entrato però non riesce a dare la scossa ed invertire il trend, Trento gioca tranquilla mentre Ravenna pasticcia, è +5 (14-9).
Il break firmato Ravenna con il muro non basta però perché Trento gestisce il vantaggio inserendo anche sprazzi di grande gioco (parallela e salvataggio, ancora, ai limiti dell'impossibile di Lanza) e chiude la contesa sul 25-19.

Equilibrio totale nella parte iniziale del set, la tensione in campo però è tanta e volano due cartellini. Il primo break coincide con il time out tecnico, a spedire tutti verso le panchine é Antonov con un ace un po' fortunoso che si arrampica sul nastro e mette fuori gioco Mengozzi (12-10).
Al rientro in campo ancora ace per l'italiano, questa volta su Koumentakis che poi prende la via della panchina per Zappoli.
Nella metà campo romagnola Goi é in formato monstre, difende anche l'impossibile regalando ai suoi il break del 14-16, parte di set che però non è per nulla spettacolare a causa delle tantissime battute sbagliata da entrambe le squadre (almeno una decina le rotazione in cui nessuno é stato in grado di mettere nel campo avversario il servizio).
Una rara ricezione viene trasformata in rigiocata e poi in muro da Solé, é il primo set point. Point, set and match per Djuric con attacco che si insacca.

Una Trento poco bella sicuramente da vedere, diversi i problemi che per lunghi tratti si sono ravvisati in alzata (sia da parte di uno spento Giannelli, sia con le alzate non sue) ma anche al servizio, troppo troppo falloso.

foto Sir Perugia
Sir Safety Perugia - Lube Treia Volley 0-3

Bottino pieno e convincente per la Lube a Perugia, un risultato mai in discussione per tutto l'arco del match.
La notizia di giornata però é l'assenza in camp3 di Sabbi, al suo posto il neo italiano Milijkovic, per l'azzurro ci sono già voci di mercato, direzione Monza.
Nel primo set la Lube gioca una pallavolo assolutamente efficacissima, tanta la pressione messa in campo dai ragazzi di Blengini sopratutto al servizio, fondamentale che permette la decisiva fuga.
Juantorena é il mattatore, porta i suoi sul +5 e al primo time out tecnico, i due centrali serbi si uniscono alla causa e allargano il vantaggio a +7, con Perugia incapace di reagire ma soprattutto incapace di sistemare un ricezione davvero disastrosa (inutili i cambi di Castellani).

Nel secondo parziale i padroni di casa si scrollano un po' è iniziano a far vedere qualche bella giocata, vige un parziale equilibrio fino al break bianco-rosso grazie ad un muro, un errore ed un fallo perugino per il +3 a quota 20, Perugia si crea qualche buona possibilità per rientrare ma i troppi errori commessi consentono alla Lube di chiudere agilmente anche il secondo set.

L'avvio di terzo set é a marca perugina, i ragazzi di Castellani volano subito via ma la Lube impiega poco per acciuffare la paritá, Juantorena é in serata monstre ed è lui il protagonista di un finale di set tutto a punto in cui il cubano mette a terra il pallone del 23-21, il viatico perfetto per chiudere set e match con un muro su Atanasijevic.

Dhl Modena - Ninfa Latina 3-0

Torna in campo Modena e l'attenzione va tutta sui 12 in campo per il riscaldamento..
L'ipotizzato rientro di N'Gapeth non si è concretizzato, il francese é ancora out e probabilmente lo si rivedrà per la sfida di Champions, sempre che si trovi un'intesa tra sponsor e società sulla spinosa vicenda.
Come i tutti i campi della serie A anche al PalaPanini risuona la Marsigliese seguita dal minuto di silenzio in ricordo delle vittime degli attentati.
Il match inizia con le due squadra concentrate e agguerrite, ai colpi di Petric e compagni rispondono con costanza i laziali, ed è l'equilibrio che regna fino al primo time out tecnico (11-12); al rientro in campo Vettori allunga con un ace (16-12), Bruno gira a meraviglia i suoi attaccanti ed è subito 22-17.
I pontini riescono a fare poco e Modena si aggiudica il set sul 25-20.

Nel secondo parziale la Dhl sfrutta tutta la spinta della vittoria del set precedente e scappa subito via con un parziale di 6-1 pesantissimo, Placì cambia qualche carta ma il risultato non cambia e Modena con il servizio allunga sul +6 (14-9), la battuta pontina mette a segno qualche buon colpo ma lo svantaggio é tanto e Modena, che commette davvero pochissimi errori, chiude con calma sul 25-20.

É Latina a iniziare forte nel terzo parziale, Hirsh (partito titolare) si rende subito protagonista con un ace per il +4, gioca sciolta la squadra di Placì e mantiene con continuità il break di vantaggio anche al primo time out tecnico (12-8).
Modena rosicchia qualche break e con un muro di Lucas impatta sul 17-17, Vettori invece è il "proprietario" del punto che segna il sorpasso.
Latina resiste ma rovina tutto, sul più bello, con due brutti errori che segnano anche il 25° punto per Modena.

Calzedonia Verona-LPR Piacenza 3-1


foto Express Verona
Continua il momentaccio per Piacenza, ancora inchiodata a quota 3 punti in classifica.
Tutto piuttosto agile per la squadra di Giani, invece, che conferma il quarto posto tallonando da vicinissimo Trento. Giornata niente male per gli uomini di palla alta gialloblù: best scorer Sander con 21 punti e 48%, gli fanno compagnia Starovic con 17 punti (58%) e Kovacevic con 19 punti (44% e mvp della gara). 

Giuliani ha provato quasi tutti i suoi uomini ma è solo riuscito a sfiorare il tie break, sprecando un prezioso vantaggio di 4 lunghezze nel decisivo quarto set.



Exprivia Molfetta-Tonazzo Padova 3-0

Molfetta si prende tutta la posta in palio ai danni di una spenta Padova e mette a segno grandi percentuali di efficienza, al servizio (6 ace a 1), a muro (8 a 5) ma soprattutto grandi numeri in ricezione. 
Padova porta un solo uomo in doppia cifra - Giannotti con 12 punti - mentre dietro di lui c'è il vuoto assoluto. Hernandez, dato in dubbio prima della gara, mette a segno 18 punti con un ottimo 47% e 4 ace.

Revivre Milano-Gi Group Monza --> 17/11/2015 ore 20:30 Dir. RAI Sport 1

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Prossimo turno
6ª giornata di andata SuperLega


Domenica 22 novembre 2015, ore 17.00
Cucine Lube Banca Marche Civitanova - Calzedonia Verona Diretta RAI Sport 1


Domenica 22 novembre 2015, ore 18.00
Diatec Trentino - DHL Modena 
LPR Piacenza - CMC Romagna 
Tonazzo Padova - Sir Safety Conad Perugia
Gi Group Monza - Exprivia Molfetta 
Ninfa Latina - Revivre Milano