EuroVolleyM, Italia.. C'eri quasi!!

Leave a Comment
Un'Italia ai limiti della perfezione si porta in vantaggio di due set su un'allibita Francia ma sul più bello si spegne e i transalpini risalgono, aggiudicandosi l'incontro al tie break.
Secondo posto nella pool e ottavi di finale da giocare, Martedì , contro la Finlandia.. Chi vince pesca la Russia.

La nostra cronaca :

Soliti sestetti per entrambe le formazioni, Italia con Giannelli-Zaytsev, Lanza-Juantorena, Buti-Piano, Colaci, Francia che propone Toniutti-Rouzier, Tillie-Ngapeth, Le Roux-Le Goff, Grebennikov.
La Francia parte bene e si porta sul 6-3 con le giocate rapide di Toniutti, Juantorena fatica e viene murato da Rouzier per l'4-8 e primo time out obbligatorio, Ngapeth con una battuta da paura mette a segno il 10-5. Juantorena non riesce a passare in attacco e si becca un altro muro da Le Goff (12-6), Blengini rimprovera i suoi sottolineando come sia necessario difendere di più, non tirar sempre più forte. Dopo il tie break l’Italia recupera qualche punto (9-12) con Osmany al servizio. Due punti di fila di Piano (primo tempo e muro su Le Goff) e andiamo sul -1. Il set si scalda e le due squadre tirano senza paura; Ngapeth pesta in pipe e gli azzurri mettono in atto il sorpasso 18-17, con l’errore in attacco di Rouzier facciamo 19-17. Juantorena si è completamente ripreso dopo un inizio altalenante e addirittura si propone per un’ottima palla da posto 1 in ricostruzione (21-18). La Francia recupera con un mezzo ace su Juantorena (20-22) ma Rouzier spara il successivo servizio direttamente sull’asta. Il primo tempo di Piano ci regala il primo set point (24-21), Ngapeth annulla. Colaci e Juantorena dormono sulla battuta innocua di Le Goff e la Francia è lì (23-24). Ci pensa Pippo Lanza a chiudere il primo set.
Foto Cev
Nel secondo set l’Italia inizia con due super muri di Osmany e Ivan (3-2), Rouzier pesta la linea da posto 1 ma in un momento difficile dei transalpini Tillie trova un grande punto su palla obbligata (5-4). Ngapeth inizia con i suoi tocchetti, ma né il bilanciere né il pallonetto (che non passa la rete) ingannano gli azzurri che vanno al tempo tecnico avanti 8-4. Juantorena e Piano fanno la voce grossa a muro (11-5), Giannelli distribuisce che è un piacere (13-6): è una grande Italia. Ngapeth trova il suo terzo ace punendo la ricezione di Juantorena, Giannelli si becca un muro su tentativo di giocata di seconda (13-9) ma si fa perdonare lasciando Zaytsev a muro a 1 e trovando l’ace su Tillie (15-9). La Francia recupera un break con due attacchi in pallonetto, ci pensa lo stesso Tillie ad interrompere il ritmo sparacchiando fuori una brutta alzata di Le Goff. Sul 17-12 l’azione più bella della partita la chiudiamo noi con una difesa fuori dal possibile di Colaci concretizzata da Lanza, che sul successivo servizio di Vettori si prende il lusso di chiudere lo slash con un pallonetto perfetto che inganna Grebennikov (19-12). La Francia butta dentro la diagonale di riserva Pujol-Sidibe e Marechal, l’Italia dilaga sul 21-14. Ngapeth e soci sono ormai demoralizzati, ma gli azzurri pasticciano un po’ consentendo loro di tornare a -5 (23-18). Ace di Le Roux che vale il 19esimo punto, Blengini chiama la ricezione a 4 ma Zaytsev subisce il secondo ace, il terzo ace di fila è a dir poco fortunato con l’aiuto del nastro: siamo 23-21. Al quarto tentativo il centrale francese serve fuori di un soffio, Juantorena però ci tiene ad iscriversi alla lista degli ace-man e chiude il set 25-21.
Foto Cev 
Il terzo set ricomincia bene, con il muro di Matteo Piano che punisce ancora Ngapeth (3-2)  e Lanza che fa faville in attacco. Ngapeth si fa perdonare al servizio con l’ennesimo ace che vale il 6-5, poi sulla seconda super battuta del francese Osmany attacca direttamente in rete. Lo stesso Osmany insacca anche l’attacco successivo e Blengini vuole parlarci su (6-8). La Francia “restituisce la cortesia” con due errori in fila di Rouzier (8-8), il quale ci regala anche un servizio out dopo un erroraccio in attacco di Lanza. Italia imprecisa e sofferente in ricezione in questo frangente del terzo set, un pallonetto no look di Lanza ci rimette in corsa (10-10).  Francia di nuovo a +2 con una parallela fantastica di Ngapeth, Blengini è costretto a fermare ancora il gioco. Si fa vivo Buti con un bel muro su Rouzier (12-13), la Francia mantiene il +1 e allunga con un Le Roux formato super dai 9 metri. Troviamo di nuovo la parità sul 16-16 con l’azione più lunga e combattuta della partita: l’attacco finale è firmato Zaytsev. Toniutti e soci ricostruiscono un +4 di vantaggio (21-17) approfittando della poca concretezza in attacco degli italiani. Lanza stampa un muro tetto a Rouzier interrompendo l’emorragia di punti. Nel finale Ngapeth show regala 6 set point ai suoi, il primo lo annulla Lanza 19-24, ma subito dopo il punto di Rouzier vale il set per i transalpini. 
Foto Cev
Quarto set con Osmany che pare tornato in servizio, 3-0 muro su Rouzier e attacco mani out. Tutto da rifare a causa dell'ennesimo ace di le roux 3-3, per fortuna Ivan interrompe subito la sua serie. Rouzier è tornato in palla, ora si gioca punto su punto 6-6. Al tempo tecnico la Francia è avanti 8-7, 2 attacchi out di fila per l'Italia che scivola a- 3 8-11. Dentro vettori per uno spento Ivan, poi sul 12-17 anche Antonov per Osmany per cercare di invertire il calo vistoso che sta subendo la squadra. Sul 20-16 Le Roux battibecca col pubblico che stava rischiando (probabilmente verso la classica giocata "sbruffona" di Ngapeth dello scambio precedente) e li irride aizzandoli: brutto gesto del francese. Gesti a parte, la Francia va ormai sul velluto su una disunita Italia (23-16) e chiude con buon margine.

Dunque si va al quinto set. Tie break pieno di adrenalina, l'Italia parte bene trascinata da Lanza e guadagna un prezioso break di vantaggio (prima 4-2, poi 7-5). Il duo Tillie-Ngapeth è in palla e la Francia difende alla morte. Tie break combattutissimo, Ngapeth commette una sciocchezza che potrebbe costare caro (attacca out una pipe su palla vagante di seconda intenzione), 10-9 Italia. In un batter d'occhio la Francia ribalta tutto e passa avanti 11-10. Osmany subisce un ace non irresistibile che vale il 13-13 francese, Lanza è l'ultimo a mollare e ci riporta a- 1, ma Ngapeth manda i suoi al set point. Zaytsev annulla il primo, sul secondo l'Italia con Lanza difende una palla pazzesca ma è lo stesso schiacciatore Trentino ad attaccare out di poco la pipe in ricostruzione che manda la Francia direttamente ai quarti.