Uno scudetto tutto rosa!! Le ragazze della Pomi (di rosa vestite) dominano gara 5 per 3-1 e vincono il primo storico scudetto per la società di Casalmaggiore!

Leave a Comment
E’ arrivata la fatidica gara 5 del volley rosa. Una partita che non si giocava da tempo visto il dominio assoluto di Piacenza nelle ultime due edizioni che non ha permesso di superare gara 4 (’12-‘13) e gara 3 (’13-‘14).
Alla fine a prevalere sarà un'incredibile Casalmaggiore che schianta 3-1 in trasferta la dominatrice della stagione Novara.

La cronaca :

FOTO BALUARDO NOVARA
Tutto è pronto al Pala Terdoppio, 3500 persone che gremiscono gli spalti, televisioni da ogni dove, fotografi in ogni dove. I tifosi Pomì tutti colorati di rosa e il Baluardo Novara risponde con maglietta azzurre corredate dal loro simbolo.
Dopo l’inno d’Italia, il Baluardo colora di bianco-blu l’intero settore con striscioni e una gigantesca scritta “GO IGOR”.
Gli starting six non riservano sorprese, Pedullà si affida a Signorile – Barun, Hill – Klineman, Chirichella – Guiggi, Sansonna.
Mazzanti risponde con Skorupa – Ortolani, Tirozzi – Gennari, Stevanovic – Gibbermeyer, Sirressi.
FOTO BALUARDO NOVARA
Il primo set si apre all'insegna di Casalmaggiore aggressivo sia a muro che in battuta. I tifosi novaresi rimangono shockati da un avvio così sottotono dalle proprie beniamine. Sul 7-13 il set sembra avviato verso una chiusura inesorabile e rapida per le ospiti. Va in battuta Chirichella, che mette a segno un primo ace un po' dubbio (palla out ma l’arbitro da il tocco al libero Sirressi) e poi subito dopo il secondo nettissimo sulla linea di fondo. Le speranze novaresi si riaccendono con Barun, servita moltissimo (forse troppo) da Signorile che si libera del muro inchiodando la difesa casalese. Skorupa serve molto la seconda linea di Tirozzi, che non sempre va segno, ma la capitana non demorde e si rifà subito in ricezione. Ortolani fa fatica a passare con il muro di Novara che prende le misure alla bomber azzurra, e le padrone di casa si riavvicinano 18-16. La Pomì va in affanno, Mazzanti inserisce Bianchini in battuta. Novara però ferma Tirozzi, 21-19 sempre per Casalmaggiore che tiene la testa.
Gennari schianta a terra una diagonale meravigliosa e regala alle sue il +3, 22-19, ma a lei rispondono prima Hill e poi e la compagna Ortolani, sempre l'azzurra va ad attaccare ma la palla viene valutata out e Novara si ritrova a -1, 22-23.
FOTO IGOR VOLLEY NOVARA
L'opposta casalese si fa subito perdonare con l'attacco che regala il primo set point, Klineman annulla ma Stevanovic chiude conti al secondo tentativo con un 2 vincente. 
Secondo set combattutissimo, equilibrio interrotto solo dall'ace di Hill per il 7-6 novarese, un altro ace (questa volta di Klineman) e un attacco out della serba Stevanovic consentono il massimo allungo di +3 per la truppa di Pedullà che ora è in testa 11-8.
La pomì non cala però e ci pensa Gibbemeyer a ricucire lo svantaggio con un gran muro per il 12-13, ma Novara trova ancora l'allungo con uno smash di Klineman su ricezione lunga di Gennari, è Klineman a suonare la carica nel set e a mettere giu la palla e a trovare punti fondamentali, come il muro tetto su Ortonalani per il 19-14.

FOTO IGOR VOLLEY NOVARA
Mazzanti inserisce Bianchini per Ortolani ma la storia non cambia perchè l'attacco di Novara ora funziona e Signorile ha solo l'imbarazzo della scelta, il 23-19 lo firma Barun.
Sul più bello pero qualcosa si inceppa perche la Pomì, guidata dalla rientrata Ortolani e da capitan Tirozzi si recupera fino al 22-23, ma ci pensa Barun a interrompere la serie a conquistare il set point, Chirichella azzecca il servizio e la ricezione delle ospiti traballa regalando a Klineman il rigore del 25-23.
Ancora una grande testa a testa nel terzo, ma a differenza del set precedente a trovare l'allungo per prima è Casalmaggiore con ben 3 muri (due di Ortolani e uno di Tirozzi) per il 10-6.
Novara tenta di ridurre lo svantaggio e con Partenio al servizio arriva al -1, Casalmaggiore risponde ma è ancora il servizio novarese a fare danni, questa volta con Barun che mette a terra l'ace del 13-14, ci pensa Signorile ad impattare murando Gennari. 
FOTO VBC POMI - CASALMAGGIORE
Barun spinge al servizio e Klineman sfrutta l'ennissimo rigore e Novara mette il naso avanti nel punteggio (15-14), Ortolani impatta e Gibbemeyer mette la freccia del contro-sorpasso con il muro su Klineman. 

Casalmaggiore aumenta il vantaggio fino al 20-17 con la Gibbemeyer ancora protagonista, Ortolani sbaglia l'attacco ma Tirozzi compensa per il 21-19, ma Barun mette per terra le due palle che consentono alle sue di impattare sul 21 pari.
Finale di set al cardio-palma e tesissimo, Chirichella prima sbaglia l'attacco poi mura Tirozzi, la capitana della Pomi non sbaglia pero al secondo tentativo regalando il 23-22, Stevanovic alza la saracinesca e stampa Barun per il primo set point, ma Barun annulla, Gennari pero risolve con un bellissimo attacco e Casalmaggiore si porta avanti 2-1 nel computo dei set. 
Quarto set con Bianchini per Ortolani, Partenio per Hill e Bonifacio per Chirichella.
Novara tenta di allungare subito ma Casalmaggiore non si spaventa e gioca palla dopo palla agguantando il pareggio sul 7-7, la neo entrata Bianchini trova subito il ritmo e semina il panico nella difesa delle padrone di casa e segna il 9-7. 
Tirozzi incrementa e Bonifacio regala punti con un attacco out, 11-8.
FOTO VBC POMI - CASALMAGGIORE
TIROZZI MVP.
Klineman conquista il break per il meno uno, ma Casalmaggiore continua a segnare punti con costanza e a mantenere il break di vantaggio. 
E' ancora Gennari, protagonista di una prova maiuscola, a mettere giu la palla del +3, nel momento peggiore Signorile e compagne si ritrovano, lo sforzo prodotto porta risultati e Novara impatta sul 17-17.
Ma la striscia positiva si ferma qui, perchè Casalmaggiore inserisce il turbo e mette 4 punti di distanza da Novara, Gibbemeyer stampa ancora un muro (su Barun) e fa segnare il +5, Partenio stoppa e segna il 18° punto, ma Gennari ormai in stato di grazie non sbaglia e avvicina le sue allo scudetto con il 23° punto.
Bianchini fa esplodere il tifo della Pomì segnando il punto numero 24, ma Tirozzi non chiude, ma ancora una volta di fa perdonare subito concludendo l'azione successiva e regalando il primo scudetto della storia alla Pomì Casalmaggiore, tra le lacrime di una delusissima Novara, autrice comunque di una stagione di vertice. Incredibile la favola del piccolo comune (15000 abitanti)in provincia di Cremona che solo poche stagioni fa militava in serie A2; continua invece la maledizione scudetto per Novara che, con quella di sabato, è a 5 finali su 5 perse nella sua storia.